English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
LUN 24
GIUGNO
 
jonio
Breaking
Jonio
25/04/2022 16:41:16 Rogliano: Serata di premiazioni per poeti e narratori     18/01/2022 17:40:14 VACCARIZZO A./SINDACO RINGRAZIA ASP E VOLONTARI SONO 31 I CASI DA ACCERTARE     29/12/2021 14:08:00 Vaccarizzo Albanese - Domenica 16 gennaio 2022 nuovo vax day     09/03/2021 16:12:28 Acri: Le occasioni formative dell’Istituto Falcone     13/02/2021 19:56:03 «Solo 89 comuni calabresi superano il 65% di raccolta differenziata»  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Corigliano-Rossano: Le accuse di FdI al sindaco Stasi sul Psa e non solo
Ad intervenire è il Coordinatore civico di Schiavonea Osvaldo Romanelli
 sabato 13 febbraio 2021 17:01
Corigliano-Rossano: Le accuse di FdI al sindaco Stasi sul Psa e non solo Piano strutturale associato, questo grande e immenso sconosciuto. Il programma urbanistico che avrebbe dovuto ridisegnare prospettive e conformazione del territorio ionico compreso tra Cassano Jonio e Calopezzati sembra essere finito nel porto delle nebbie. Sono trascorsi più di dieci anni dalla “posa“ delle prime nozioni e ancora, a distanza di oltre un decennio, nessuno sa che valore abbia il Psa. Nel frattempo, però, si continuano approvare varianti ai piani regolatori esistenti nonostante questi siano per legge decaduti e, quindi, senza alcun valore. È questa, nell’estrema sintesi, il nocciolo della denuncia che oggi lanci Fratelli d’Italia di Corigliano-Rossano all’indirizzo del sindaco e dell’Amministrazione Stasi. «La miopia dell’amministrazione Stasi, purtroppo, - scrive Osvaldo Romanelli, responsabile di FdI Schiavonea - continua ad offrire ogni giorno dimostrazione di lontananza dalle vere esigenze della popolazione e, nel caso di specie, dalle esigenze di razionalizzazione del territorio». «Di fatto - aggiunge l’esponente tricolore - ci saremmo aspettati un’amministrazione un tantino più lungimirante che avesse guardato ad una programmazione di sviluppo del territorio nel suo complesso, di un’area urbana proiettata verso la più vasta area della Sibaritide. Ed è a questo proposito che ci saremmo aspettati che le energie dell’amministrazione, perché no, con il supporto di tutte le forze consiliari, sia esse di maggioranza che di opposizione si fossero concentrate con il dovuto impegno all’adozione del Piano strutturale associato della Sibaritide invece di fare assistere l’intera collettività alla puntuale approvazione di una semplice variante».
Ed è qui il nodo della polemica: «variante - precisa Romanelli - che, oltretutto, riguarda una parte del territorio di Corigliano il cui sviluppo in completamento non dà a quella parte di territorio alcun vantaggio né da un punto di vista urbanistico, tanto meno da un punto di vista di prospettiva di conurbazione all’interno dello stesso territorio di Corigliano. Perché, dunque, - si chiede il dirigente di Fratelli d’Italia - spendere tante energie per questa variante? Perché approvare una variante di un piano regolatore da tempo scaduto (quindi legalmente non applicabile) che ha riportato tutte le aree non comprese nel piano urbanistico ad essere zone agricole? Perché non spendere le stesse energie in una razionale pianificazione di conurbazione delle due aree?» «Assistiamo addirittura a cittadini costretti a ricorrere al TAR - precisa - per inadempienze di un’amministrazione incapace anche di dare risposte ad istanza degli stessi e, come se non bastasse, apprendiamo che al comune non viene riconosciuta la possibilità di difendersi per tardiva costituzione. Non poteva essere diversa la sentenza se non di condanna. Una ulteriore figuraccia incassata dall’amministrazione Stasi. È poi l’atteggiamento consequenziale dell’amministrazione stessa che non si giustifica con l’adozione di questa variante. Il TAR ordina l’adozione di uno strumento urbanistico ed invece ci si prodiga ad approvare una variante puntuale ad uno strumento urbanistico. A quale, se non esiste?»
«Il dubbio - dice ancora Romanelli - nasce spontaneo per cui si potrebbe essere portati a pensare che stiano arrivando a scadenza cambiali firmate dal sindaco in campagna elettorale o che il Sindaco deve stare e sottostare, per poter continuare a sopravvivere, a ricatti di gruppi componenti la maggioranza. Una domanda nasce spontanea: perché si è preferito l’adozione di una variante e non impugnare il provvedimento emesso dal TAR in seno al Consiglio di Stato? Qualche dubbio di legittimità sorge anche. Come è possibile, con una legge regionale che fa decadere i piani regolatori e diffida i comuni ad adeguarsi alla legge regionale in merito alla dotazione della nuova strumentazione urbanistica tra PSA e PSC, si approvano varianti puntuali. È con questi dubbi che ci rimettiamo alla decisione ultima che sarà presa dalla Regione, quale ente preposto all’approvazione della strumentazione urbanistica. Rigetterà o approverà questa variante?»
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#romanelli e il psa
 
QR-Code
Copyright © 2014-2024 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone