English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
VEN 21
GENNAIO
 
jonio
Breaking
Jonio
18/01/2022 17:40:14 VACCARIZZO A./SINDACO RINGRAZIA ASP E VOLONTARI SONO 31 I CASI DA ACCERTARE     29/12/2021 14:08:00 Vaccarizzo Albanese - Domenica 16 gennaio 2022 nuovo vax day     09/03/2021 16:12:28 Acri: Le occasioni formative dell’Istituto Falcone     13/02/2021 19:56:03 «Solo 89 comuni calabresi superano il 65% di raccolta differenziata»     13/02/2021 19:52:52 Cassano Jonio: Garofalo “Verità sui casi di tumori nel Comune“  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Corigliano-Rossano: In questa fase di emergenza maggiore è lo sforzo del Banco alimentare
Sul territorio il Banco alimentare è presente con l’Associazione Azzurra
 lunedì 6 aprile 2020 19:08
Corigliano-Rossano: In questa fase di emergenza maggiore è lo sforzo del Banco alimentare Si intensifica in questi giorni di grande ed epocale emergenza sanitaria, lo sforzo del banco alimentare regionale, presente sul territorio comunale con l’Associazione Azzurra, presieduta da Antonio Gallina, e la Diocesi di Rossano. Uno sforzo che si concretizza anche grazie alla rete di solidarietà che si sta palesando, in questi giorni. Il direttore del banco alimentare calabrese, Gianni Romeo, insieme con le associazioni accreditate, ai quali in questi giorni si aggiungono un folto numero di volontari, è in prima linea per far fronte alle necessità alimentari di molte famiglie coriglianesi piuttosto che dell’intera Calabria. Un lavoro immane, che vede aggiungersi ai grandi soliti numeri, esponenzialmente, nuove grandi cifre. Si registra un aumento del 30/40% , in quella che per Romeo, non è solo una emergenza sanitaria ma anche sociale, che non deve passare in secondo piano. Questi giorni straordinari stanno aprendo uno squarcio su tutto quel sommerso, che rende impossibile l’accesso a misure di sostegno messe in campo dal Decreto cura Italia. A Corigliano Rossano sono tante le famiglie che riescono a produrre un reddito “alla giornata”, senza nessun contratto lavorativo. L’obbligo del restare a casa rende impossibile avere delle entrate che permettano di avere il cibo in tavola. “Chi prima dell’emergenza riusciva ad avere la cosiddetta giornata, non si rivolgeva al banco alimentare. Adesso è scattata l’emergenza nell’emergenza” .Il numero delle richieste è esorbitante, che si fronteggia coinvolgendo le istituzioni, ma anche le aziende che operano nel settore agroalimentare. “I magazzini sono vuoti, tante persone ma anche tanti comuni, prefetture, si rivolgono a noi in questi giorni”, spiega ancora Gianni Romeo. Creata una piattaforma di raccolta fondi che coinvolge anche il mondo sportivo.

Antonella Baletrieri
    Fonte: Gazzetta del Sud
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#banco alimentare
 
QR-Code
Copyright © 2014-2022 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone