English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
LUN 24
GIUGNO
 
jonio
Breaking
Jonio
25/04/2022 16:41:16 Rogliano: Serata di premiazioni per poeti e narratori     18/01/2022 17:40:14 VACCARIZZO A./SINDACO RINGRAZIA ASP E VOLONTARI SONO 31 I CASI DA ACCERTARE     29/12/2021 14:08:00 Vaccarizzo Albanese - Domenica 16 gennaio 2022 nuovo vax day     09/03/2021 16:12:28 Acri: Le occasioni formative dell’Istituto Falcone     13/02/2021 19:56:03 «Solo 89 comuni calabresi superano il 65% di raccolta differenziata»  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Nessuna calunnia in danno di due Carabinieri di Corigliano. Assolto giovane coriglianese
 venerdì 3 febbraio 2017 22:39
Nessuna calunnia in danno di due Carabinieri di Corigliano. Assolto giovane coriglianese E’ stato assolto con formula piena “perché il fatto non sussiste” il giovane coriglianese R.G., difeso dall’Avv. Pasquale Di Iacovo, dalle gravi imputazioni di calunnia e minaccia in danno di due carabinieri.
I fatti risalgono al mese di aprile dell’anno 2010 allorquando R.G., trentenne coriglianese, denunciava due carabinieri del reato di lesioni personali per aver ricevuto schiaffi, pugni e calci durante un accertamento per violazione del codice della strada.
Nello specifico il giovane coriglianese, alla guida della propria autovettura, vedeva in lontananza una pattuglia dei Carabinieri ferma ad un posto di blocco ed avendo la patente di guida scaduta, per la paura che la stessa gli potesse essere ritirata, arrestava la marcia della propria auto, faceva una repentina manovra invertendo il senso di marcia e si allontanava a tutta velocità dal posto di blocco.
I Carabinieri intervenivano immediatamente, ponendosi all’inseguimento dell’auto sospetta, che si concludeva poco dopo.
Dunque, dopo l’inseguimento, il giovane veniva fermato e sottoposto dapprima ad una perquisizione e successivamente gli veniva ritirata la patente.
Il giovane, subito dopo l’accertamento, denunciava di essere stato brutalmente malmenato dai due carabinieri ed in particolare di aver ricevuto dai due militari una serie di schiaffi, pugni e calci con gli stivali pesanti.
I Carabinieri, a loro volta, si proclamavano innocenti e denunciavano di essere stati falsamente incolpati dal giovane R.G., che pertanto veniva sottoposto a processo penale per i reati di calunnia e minaccia a pubblico ufficiale.
Si è svolto, dunque, il processo a carico del giovane coriglianese, nel corso del quale i due Carabinieri si costituivano parte civile e confermavano tutte le accuse nei confronti del giovane R.G.
Tali accuse venivano anche confermate da altri due carabinieri della stazione di Corigliano, i quali avevano accertato che la denuncia del giovane R.G. non era credibile perché vi erano delle contraddizioni tra la descrizione degli eventi fornita dal giovane e lo stato dei luoghi in cui si erano svolti i fatti ed inoltre le ferite denunciate dal giovane non sarebbero state compatibili con i pesanti stivali indossati dai militari.
All’udienza tenutasi lo scorso 31 gennaio 2017, il Pubblico Ministero chiedeva al Giudice del Tribunale di Castrovillari, la condanna alla pena detentiva per il giovane R.G. ed i due carabinieri nella qualità di parti civili ne chiedevano anche la condanna al pagamento del risarcimento dei danni subiti dai militari.
Terminata la discussione orale, il Giudice accoglieva integralmente le richieste di proscioglimento avanzate dall’Avv. Pasquale Di Iacovo, pronunciando una sentenza di assoluzione nei confronti del giovane coriglianese R.G. per insussistenza del fatto di reato.
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#corigliano #giovane #assoluzione #carabinieri
 
QR-Code
Copyright © 2014-2024 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone