English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
GIO 20
GENNAIO
 
jonio
Breaking
Jonio
18/01/2022 17:40:14 VACCARIZZO A./SINDACO RINGRAZIA ASP E VOLONTARI SONO 31 I CASI DA ACCERTARE     29/12/2021 14:08:00 Vaccarizzo Albanese - Domenica 16 gennaio 2022 nuovo vax day     09/03/2021 16:12:28 Acri: Le occasioni formative dell’Istituto Falcone     13/02/2021 19:56:03 «Solo 89 comuni calabresi superano il 65% di raccolta differenziata»     13/02/2021 19:52:52 Cassano Jonio: Garofalo “Verità sui casi di tumori nel Comune“  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

“Sono partiti”, poesia di Luigi Visciglia in memoria Dei pescatori di Schiavonea
 domenica 25 dicembre 2016 21:02
“Sono partiti”, poesia di Luigi Visciglia in memoria Dei pescatori di Schiavonea Il 31 dicembre del 1974, in una notte terribile, buia, fredda e piovosa, dodici figli di Schiavonea salparono e non fecero più ritorno dai loro cari. Appartenevano alle famiglie Celi e Curatolo. I due pescherecci Nuova Sant’Angelo e Madonna Santissima si inabissarono a causa delle terribili condizioni meteorologiche di quella notte. Questo di Luigi Visciglia vuole essere un piccolo omaggio alla memoria dei Pescatori scomparsi e alla fervida Comunità di Schiavonea. Luigi Visciglia è l’unico coriglianese ad aver scritto un componimento in memoria di questo tragico evento.



SONO PARTITI
(Bologna, novembre 1976)

Buia era la notte a Schiavonea.
Fredda era l’aria.
Calma la marea.
Presero i pescator le reti
e verso le barche andarono.
Dolce era lo sciacquio delle onde
contro le barche e i remi.
Il mare sedava i volti emaciati e stanchi,
illuminati dalla secolare luna.
Ed Eolo mosse gli zeffiri per
dissimular l’inganno atroce.
Fredda era l’aria.
Calma la marea.
Le barche salparono.
Ma repentina la natura mutò
quel pelago in un tumulto.
Le barche, piroettando in vortici,
si discolarono e si dilaniarono,
mentre torvo era l’aspetto
di Nettuno che li frodò.
Invano gli alacri pescatori cercarono
di sedare quei ringhiosi numi.
Insino esausti, stanchi
per quell’ambage mortale,
caddero in mare e la
terra più non videro.
Ed il notturno astro vegliava,
fra i gemiti, i lamenti, di color
che la spiaggia videro scomparire
ai loro occhi ansanti di salvezza.
Fredda era l’aria.
Chiara era la giornata.
E le mamme disperanti,
sole, su quel lido affollato,
dagli occhi e dal cor sgorgavan lacrime.
Calliope, presa da tant’orrore,
invocò Urvashi, che danzando
e canticchiando un soave ritornello,
li trasportò dal pelago alle stelle.

Luigi Visciglia
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#corigliano #poesia #visciglia #pescatori #schiavonea
 
QR-Code
Copyright © 2014-2022 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone