English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
MAR 24
MAGGIO
 
jonio
Breaking
Jonio
25/04/2022 16:41:16 Rogliano: Serata di premiazioni per poeti e narratori     18/01/2022 17:40:14 VACCARIZZO A./SINDACO RINGRAZIA ASP E VOLONTARI SONO 31 I CASI DA ACCERTARE     29/12/2021 14:08:00 Vaccarizzo Albanese - Domenica 16 gennaio 2022 nuovo vax day     09/03/2021 16:12:28 Acri: Le occasioni formative dell’Istituto Falcone     13/02/2021 19:56:03 «Solo 89 comuni calabresi superano il 65% di raccolta differenziata»  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

“LA GRECIA, MADRE DELLA DEMOCRAZIA“, poesia di Luigi Visciglia
 martedì 11 ottobre 2016 09:38
“LA GRECIA, MADRE DELLA DEMOCRAZIA“, poesia di Luigi Visciglia LA GRECIA, MADRE DELLA DEMOCRAZIA
10 Ottobre 2016

Atene!
Rosa profumata di democrazia.
Codro, ultimo re di Atene,
sacrificandosi con eroico valore.
624 a.C.
Sboccia il fiore della democrazia,
come un bimbo dal piede malfermo,
nasce la Repubblica Ateniese.
Nove arconti governano Atene:
governo dei pochi sui più, oligarchia.
Fra lotte e liti
sorge l’Agorà, incontro per il libero pensiero.
Il saggio Dracone redige un codice:
le Leggi Draconiane.
Gli squilibri sociali
portatori di fame, discriminazioni,
indebitamenti fino alla schiavitù umana.
594 a.C.
La cultura greca umanizza l’uomo.
Solone riordina la vita sociale.
Primo atto, la cancellazione
delle ipoteche fondiarie;
abolisce la servitù della gleba;
rende liberi quelli che sono
caduti in servitù,
perché impossibilitati a pagare;
divide i cittadini in base al reddito.
Pericle il progressista
attivò le libertà democratiche in Atene
e non fu mai sorpassato nell’antichità,
grande legislatore di libertà e diritti umani.
Socrate, cittadino e non suddito dell’universo.
Platone dialogò la dottrina dello Stato ideale.
La cultura ateniese è stata sinonimo
di saggezza e dignità umana.
XXI secolo
Lontana, dimenticata, ignorata
è la politica e cultura ateniese.
Dimenticando il passato
hanno distrutto il futuro.
Involuzione.
Lentamente,
i diritti civili vengono cancellati
da uno Stato leviatico e disumano
che ha basato il suo potere sul clientelismo:
assunzioni in massa nell’apparato
statale e parastatale dei suoi accoliti,
fedelissimi nel votarli.
Aumento smisurato dei tributi,
con indebitamento sociale.
Nella società dei falliti, le banche vendono cartaccia,
gli adulti giocano, l’Equitalia ipoteca,
il tribunale vende all’asta.
Onesti lavoratori, padri di famiglia,
da un giorno all’altro si ritrovano
con la casa, sacrificio di una vita, pignorata
e la disperazione li assale.
Lentamente,
la povertà inaridisce il tessuto sociale,
sertificando le illusioni future.
Ovunque domina la cultura della raccomandazione
e dell’intrallazzo,
anche per i lavori più umili e faticosi
serve essere amico dell’amico.
Le elezioni sono ridotte ad una farsa,
tanto che svolgerle è semplicemente inutile.
L’Agorà è deserta, i pensieri lottizzati.
Flebile grida dei diseredati e non ascoltati.
Madre natura,
dalle viscere della terra,
invoca disperata il nome di suo figlio:
“Solone! Solone! Solone!”


Luigi Visciglia
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#LA GRECIA #MADRE DELLA DEMOCRAZIA #poesia #Luigi Visciglia
 
QR-Code
Copyright © 2014-2022 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone