English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
VEN 21
GENNAIO
 
jonio
Breaking
Jonio
18/01/2022 17:40:14 VACCARIZZO A./SINDACO RINGRAZIA ASP E VOLONTARI SONO 31 I CASI DA ACCERTARE     29/12/2021 14:08:00 Vaccarizzo Albanese - Domenica 16 gennaio 2022 nuovo vax day     09/03/2021 16:12:28 Acri: Le occasioni formative dell’Istituto Falcone     13/02/2021 19:56:03 «Solo 89 comuni calabresi superano il 65% di raccolta differenziata»     13/02/2021 19:52:52 Cassano Jonio: Garofalo “Verità sui casi di tumori nel Comune“  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Poesia “La Natura avvelenata“ di Luigi Visciglia
 venerdì 24 giugno 2016 09:39
Poesia “La Natura avvelenata“ di Luigi Visciglia LA NATURA AVVELENATA
13 giugno 2016


Nel suo abito color vermiglio,
piange la terra.
Carico di rifiuti tossici
è il suo ventre,
frutti inquinati
partorisce il suo grembo.
L’acqua trasporta liquami,
pesticidi, concimi, diserbanti.
Tutto scorre nelle vene materne;
come un crogiolo nell’utero terreno,
i componenti si trasformano,
sapore di fiele ha l’acqua sorgiva.
Tutto affluisce al mare.
I figli dell’acqua, sazi di plastica,
muoiono arenati.
Il loro muto lamento
non giunge a Dio.
Non più lacrime hanno gli Dei
per irrorare l’inaridita terra.
Le onde elettromagnetiche
solleticano le cellule umane,
i tumori dilagano.
Gli speculatori inquinatori,
con un barlume di genialità,
s’inventarono “la differenziata”,
raccolta dello spreco lucroso,
si riarricchiscono i mistificatori masnadieri,
il loro pensiero e l’animo gattopardiano
svantaggioso son per la collettività.
Al crepuscolo, singhiozzando piange la Natura:
“I miei figli, ingordi,
perversi, snaturati
mi hanno avvelenato”.
Muta fu l’anima mia
ai piedi della morente Natura.


Luigi Visciglia
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#Poesia #Luigi Visciglia #La Natura Avvelenata
 
QR-Code
Copyright © 2014-2022 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone