English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
LUN 24
FEBBRAIO
 
jonio
Breaking
Jonio
23/02/2020 11:47:37 Cariati: Educazione al patrimonio culturale, l’’IC Cariati incontra lo storico Liguori     22/02/2020 19:51:27 Calcio: Risultati e marcatori degli anticipi di oggi nei vari campionati dilettantistici regionali     22/02/2020 17:25:47 Nuovi fondi e strategie per la forestazione     22/02/2020 17:11:08 Cariati: Dichiarazione del sindaco Greco contro i rappresentanti della opposizione     22/02/2020 15:50:01 Sanità: Emergenza coronavirus la Regione attiva le misure del caso  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

NUOVA NAVE MIGRANTI AL PORTO DI CORIGLIANO
 venerdì 9 gennaio 2015 21:25
NUOVA NAVE MIGRANTI AL PORTO DI CORIGLIANO Una nuova nave con a bordo circa 400 migranti di origini probabilmente africane sarebbe sulla rotta di Corigliano. L’attracco al Porto sarebbe previsto per la serata di domani, SABATO 10 GENNAIO. - A darne notizia è il Sindaco Giuseppe GERACI, informato dalla Prefettura di Cosenza. Si tratterebbe, questa volta, di una nave militare che era diretta a Lampedusa.

Esprimo viva preoccupazione - dichiara il Primo Cittadino - perché si sta avverando quanto purtroppo temuto e manifestato già in occasione del primo sbarco, ottimamente gestito nei giorni scorsi con Prefettura, forze dell’ordine e volontari. Se confermata la notizia, sembrerebbe, infatti, essersi aperto ormai un varco incontrollato ed ingestibile verso il nostro Porto. Il che sarebbe una oggettiva iattura, non soltanto per Corigliano ma per l’intera Sibaritide. L’ente pubblico locale e la nostra comunità - continua il Sindaco - non possono e non potranno sostenere, da un punto di vista organizzativo, logistico, economico ed anche sociale il ripetersi di sbarchi di navi con cospicui carichi di migranti da accogliere e gestire attingendo alle già ridotte risorse residuate dallo Stato centrale ai comuni. E’ sotto gli occhi di tutti - va avanti - l’impossibilità quotidiana di gestire, sulla base delle scarse risorse economiche e di personale, finanche i servizi fondamentali per i residenti. E’ quindi necessario ed improcrastinabile - conclude GERACI - che il Governo centrale, raccordandosi con l’Unione Europea, ascolti ed accolga senza ritardi queste preoccupazioni autentiche e che rappresentano e condividono i sentimenti diffusi delle nostre popolazioni e dell’intero territorio.
(Fonte: MONTESANTO SAS – Comunicazione & Lobbying).
Articolo letto 2420 volte     Redazione Corigliano Informa
Visualizza in pdf
 
 
 
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone