English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
SAB 26
SETTEMBRE
 
jonio
Breaking
Jonio
16/09/2020 17:28:30 Arriva la replica della dirigente scolastica Anna Bruno dell’I.t.c.g.t. / liceo “G.B. Falcone” di Acri     12/09/2020 18:49:31 Habemus Papam, nominato il nuovo Direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide     11/09/2020 11:50:21 San Demetrio Corone: Dieci proposte per un Pd controcorrente     07/09/2020 17:16:21 Acri: Anna Bruno è la nuova Dirigente dell’Istituto “Falcone“     06/09/2020 18:16:21 Nicola Pepe, il vincitore di “Hell’s Kitchen Italia” omaggia la Calabria con il nostro cibo tipico  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Corigliano-Rossano: I Verdi lanciano una petizione per la revoca del premio Nobel all’UE
E’ l’attivista locale Leonetti che ne spiega le motivazioni
 lunedì 30 marzo 2020 16:17
Corigliano-Rossano: I Verdi lanciano una petizione per la revoca del premio Nobel all’UE Nell’ottobre del 2012, il premio Nobel per la pace veniva attribuito all’Unione Europea, che «per oltre 60 anni ha contribuito all’avanzamento della pace, della riconciliazione, della democrazia e dei diritti umani in Europa». Con queste parole Giovanni Leonetti, attivista del partito dei Verdi di Corigliano Rossano, annuncia il lancio della petizione per la revoca del Premio Nobel per la pace all’Unione Europea. «Oggi – dichiara – il sogno europeo sta morendo, i Paesi Membri non hanno la capacità di trovare un accordo finanche sulle misure da adottare a causa dell’emergenza Coronavirus: dall’Europa dei popoli, all’Europa che ignora i suoi cittadini. Con questa petizione chiediamo al Comitato che assegna il Nobel per la pace di revocare, per la prima volta nella sua storia, il premio conferito all’Unione Europea, poiché incapace di contribuire alla riconciliazione dei popoli e alla garanzie dei diritti fondamentali dei cittadini, in particolare eguaglianza e solidarietà». A tal proposito Leonetti cita il preambolo della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea: «L’Unione si fonda sui valori indivisibili e universali di dignità umana, di libertà, di uguaglianza e di solidarietà; l’Unione si basa sui principi di democrazia e dello stato di diritto. Essa pone la persona al centro della sua azione istituendo la cittadinanza dell’Unione e creando uno spazio di libertà, sicurezza e giustizia». Infine, il suo appello affinché si riporti al centro dell’UE i cittadini europei ormai stanchi dei dibattiti tra burocrati e che necessitano di «soluzioni europee a problemi europei».
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#leonetti premio nobel
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone