English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
SAB 19
SETTEMBRE
 
jonio
Breaking
Jonio
16/09/2020 17:28:30 Arriva la replica della dirigente scolastica Anna Bruno dell’I.t.c.g.t. / liceo “G.B. Falcone” di Acri     12/09/2020 18:49:31 Habemus Papam, nominato il nuovo Direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide     11/09/2020 11:50:21 San Demetrio Corone: Dieci proposte per un Pd controcorrente     07/09/2020 17:16:21 Acri: Anna Bruno è la nuova Dirigente dell’Istituto “Falcone“     06/09/2020 18:16:21 Nicola Pepe, il vincitore di “Hell’s Kitchen Italia” omaggia la Calabria con il nostro cibo tipico  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Fratelli d’Italia contraria all’apertura di un hotspot per migranti a Corigliano
 giovedì 6 luglio 2017 19:08
Fratelli d’Italia contraria all’apertura di un hotspot per migranti a Corigliano Il Ministro calabrese dell’Interno regala alla sua regione, la Calabria, la prossima apertura di tre nuovi hotspot per migranti. Uno di questi sarà istituito anche a Corigliano Calabro, probabilmente presso il porto di Schiavonea. In sostanza, sarà allestita presso la nostra struttura portuale una postazione per procedere allidentificazione dei migranti prima che gli stessi vengano trasferiti presso i centri di accoglienza. Pur prevedendo la legge che questa attività debba compiersi in un arco temporale abbastanza ristretto, cè da scommettere che la stessa, alla luce anche del numero particolarmente elevato dei migranti sbarcati negli ultimi mesi a Schiavonea, si protrarrà per parecchio tempo con i disagi che si possono facilmente immaginare. Alle prese di posizione di Germania, francia, Spagna ed altri, confermate da ultimo anche durante il vertice informale dei Ministri dellInterno dellUnione Europea in corso in Estonia, e relative allimpossibilità di mettere a disposizione i propri porti per aiutare lItalia a far fronte a questa nuova ondata migratoria, il governo nazionale risponde con interventi che vanno nella direzione di esporre ancora di più il nostro Paese ad un fenomeno diventato ormai incontrollato e di cui lEuropa evidentemente non vuole farsi carico. Di fronte a questa situazione, anche sulla nostra città, si è abbattuta una decisione che va nella direzione di penalizzare unarea urbana ed un territorio che, invece, meriterebbero ben altre attenzioni da parte del governo nazionale. Infatti, non si trova di meglio che calpestare, con scelte di vertice, imposte dallalto, che non sono frutto di un necessario confronto con le realtà locali, le legittime aspirazioni di un comprensorio che viene beffato da politiche nazionali che puntano, per esempio, a valorizzare il porto non per la sua vocazione turistica ed ittica ma per la sua utilità strumentale a progetti di accoglienza che rischiano di essere inefficaci. Non vogliamo che su questa vicenda cali il silenzio. Che tali decisioni siano prese senza il consenso o il confronto con le istituzioni locali che ci risulta non esserci stato. Per questo abbiamo deciso di porre la questione a livello nazionale, chiedendo al segretario nazionale di FDI, on. Giorgia Meloni, di farsi carico di un problema e di una decisione del governa nazionale che punta a trasformare la nostra area più che caratterizzata da turismo ed agricoltura di qualità in un rifugio per buona parte di quei migranti che tenteranno di attraversare il Mediterraneo mentre i tanti novelli pseudo imprenditori dellaccoglienza inizieranno a gongolare per lavvio di nuove attività più remunerative con il bene placito di istituzioni nazionali che su questa materia continua a mostrare evidenti limiti.

Circolo Fratelli d’Italia - AN Corigliano
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#corigliano #fdi #hotspot #migranti
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone