English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
GIO 24
SETTEMBRE
 
jonio
Breaking
Jonio
16/09/2020 17:28:30 Arriva la replica della dirigente scolastica Anna Bruno dell’I.t.c.g.t. / liceo “G.B. Falcone” di Acri     12/09/2020 18:49:31 Habemus Papam, nominato il nuovo Direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide     11/09/2020 11:50:21 San Demetrio Corone: Dieci proposte per un Pd controcorrente     07/09/2020 17:16:21 Acri: Anna Bruno è la nuova Dirigente dell’Istituto “Falcone“     06/09/2020 18:16:21 Nicola Pepe, il vincitore di “Hell’s Kitchen Italia” omaggia la Calabria con il nostro cibo tipico  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

SIINARDI: 460.000 euro ai comunali, Geraci non recupera. Carte alla Procura
 giovedì 16 febbraio 2017 17:43
SIINARDI: 460.000 euro ai comunali, Geraci non recupera. Carte alla Procura L’Ispettorato Generale di Finanza, a mezzo di apposita “verifica amministrativo contabile al Comune di Corigliano Calabro” nella quale venivano evidenziate “gravi violazioni delle norme riguardanti la contrattazione collettiva decentrata” (per gli anni 2006/9) invitava l’Amministrazione di Corigliano Calabro dell’epoca al recupero di quanto indebitamente corrisposto ai dipendenti comunali a titolo di salario accessorio, per un ammontare pari a oltre 460.000,00 euro. In seguito a tale comunicazione, la Commissione Straordinaria provvedeva nell’immediato, a mezzo deliberazione n. 128/2010, alla “sospensione in via cautelativa della erogazione di qualsiasi somma attinente al fondo per il salario accessorio” e disponeva “la ripetizione dell’indebito direttamente sui singoli dipendenti”. Nella primavera 2014, lo stesso Ispettorato del MEF inviava apposito sollecito, questa volta all’Amministrazione Geraci nel frattempo insediatasi, “invitando” la stessa al recupero degli oltre 460 mila euro indebitamente corrisposti in passato ai dipendenti comunali. Nel frattempo, a maggio 2014, l’entrata in vigore di una nuova legge avrebbe permesso, per almeno parte dell’indebito corrisposto, il recupero a valere sulla consistenza dei fondi futuri. Nelle more del recupero dell’indebito, e nonostante la delibera della Commissione Straordinaria, i solleciti dell’Ispettorato, i pareri contrari del Collegio dei Revisori e del sottoscritto, l’Amministrazione Geraci provvedeva in ogni caso ad erogare ulteriori € 404.064,26 a titolo di quote del fondo della contrattazione decentrata agli stessi dipendenti per gli anni 2013, 2014 e 2015 e, il tutto, nelle more di un procedimento di recupero dell’indebito nei confronti del personale mai completato. E siamo ai giorni nostri. Finalmente, anni e anni dopo la verifica dell’Ispettorato, e i relativi “inviti” al recupero, la compagine di Geraci sembrava avere inteso capire la necessità e l’urgenza di procedere al recupero di quanto indebitamente corrisposto ai dipendenti tra gli anni 2006/9 tanto da approvare la deliberazione di consiglio comunale n. 152/2016 con la quale avrebbe dovuto darsi impulso al recupero dell’indebito. In tale deliberazione era previsto un recupero di € 78.381,30 a valere sul fondo 2016. Siccome la consistenza iniziale di tale fondo 2016, come da delibera di costituzione n. 69/2016 dello stesso, consisteva in € 142.040,84 ci si sarebbe aspettati, per lo stesso 2016, che venisse distribuita ai dipendenti solo la somma residua data dalla differenza tra la consistenza del fondo iniziale (142.040,84 €) e la somma da recuperare per il 2016 ( 78.381,30 €) e, invece, per il 2016, i dipendenti comunali incasseranno, a titolo di premialità, l’intera cifra di € 142.040,84. Questo perché, con la successiva deliberazione n. 179 del 31 agosto scorso, l’Amministrazione Geraci, di fatto, da un lato decurtava il fondo dell’ammontare da recuperare (78.381,30 €) mentre poi, dall’altro, “impinguava” lo stesso fondo esattamente per la stessa cifra decurtata, re-inserita a titolo di attivazione di “nuovi servizi” i quali, tra l’altro, non si capisce bene in che cosa consistano e quando mai siano stati “attivati” posto che, in merito, non sembra essere stato approvato alcun documento ufficiale. Dunque, attese le “particolarissime peculiarità” con le quali l’Amministrazione Geraci sembrerebbe avere inteso il “recupero” dell’indebito, negli scorsi giorni ho provveduto ad inviare a mezzo posta elettronica certificata tutta la documentazione del caso (ed invito ufficialmente il Collegio dei Revisori dei Conti ed il Nucleo di Valutazione a fare altrettanto) all’Ispettorato del MEF, alla Corte dei Conti Sezione Regionale Calabria ed alla Prefettura di Cosenza mentre, nei prossimi giorni, evidentemente, sarà mia cura presentare apposito e dettagliato esposto presso la locale Procura della Repubblica di Castrovillari per tutti gli eventuali provvedimenti di loro esclusiva competenza.

Dott. Enzo Claudio Gaspare SIINARDI
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#Siinardi #Geraci #procura #euro
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone