English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
MAR 7
LUGLIO
 
jonio
Breaking
Jonio
06/07/2020 19:55:07 Tirocinanti Calabresi: In 7000 mila senza garanzie occupazionali     06/07/2020 16:58:07 Cassano Jonio: Riaprono il Museo Nazionale della Sibaride e il Parco Archeologico     06/07/2020 16:53:56 Sull’emergenza sanità in Calabria manifestazione mercoledì 8 luglio     05/07/2020 20:29:28 Trebisacce: Consiglio comunale congiunto con i Comuni contigui per eventuale fusione o associazione     05/07/2020 18:10:55 Regione: Guccione (Pd) denuncia il flop degli impianti di Lorica  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

L’ESECUTIVO Geraci e la fusione Corigliano-Rossano
 lunedì 14 novembre 2016 20:37
L’ESECUTIVO Geraci e la fusione Corigliano-Rossano Giorno 24 giugno 2016, il consigliere del m5s Francesco Sapia, accompagnato dall’avv. Abate e da una rappresentanza del suo gruppo, ha partecipato a un tavolo istituzionale, da lui richiesto, con l’amministrazione comunale per discutere della fusione tra Corigliano e Rossano. Per l’amministrazione comunale erano presenti: l’assessore Mingrone, il vicesindaco avv. Oranges, i consiglieri avv. Turano e avv. Dardano.
Premesso che il m5s ha votato a favore della fusione nella delibera consigliare del 1 febbraio 2016 , perché se attuata e realizzata secondo legge potrebbe costituire una opportunità di crescita , di miglioramento e del tanto sospirato decollo del territorio in questione, nell’incontro s’invitava l ‘amministrazione a considerare e valutare , per affrontarle con consapevolezza, tutte le opportunità e le criticità che la fusione pone.
La fusione deve rispondere a obiettivi di sviluppo organizzativo, gestione di servizi e funzioni e tendere a individuare ambiti territoriali che, per ampiezza, entità demografica e attività produttive, consentono un equilibrato sviluppo economico, sociale e culturale del territorio.
La ratio della legge (art. 1 c.116-137 legge Delrio l. 56/2014) era riferita a comuni che non superavano i 5.000 abitanti, per una migliore gestione dei servizi e per abbattere i costi dell’amministrazione.
Nel caso di Corigliano e Rossano si tratta di una “super” fusione, sia per entità demografica sia territoriale. L’esigenza nasce, sicuramente, per abbattere i costi della macchina comunale e ottimizzare i servizi (cosa complessa e delicata nella fattispecie in questione, poiché l’ottimizzazione dei servizi si raggiunge con un’entità numerica di 50.000 abitanti), ma anche per avere un maggior peso politico e contrattuale con le amministrazioni gerarchicamente superiori (Regione e Stato centrale).
Pregiudizialmente si chiedeva all’amministrazione del comune di Corigliano di valutare:
1) le dimensioni e le caratteristiche socio-economiche degli enti interessati; considerate le relative dimensioni territoriali e il numero di abitanti interessati alla fusione( si tratterebbe del caso più impegnativo di fusione avviato in Italia.)
2) L’attitudine o predisposizione a cooperare e il livello di FIDUCIA reciproca.
3) Se v’è accordo tra le amministrazioni coinvolte ed esiste visione condivisa del Comune unico.
Inoltre, al fine d’individuare il percorso migliore per l’unificazione dei servizi e delle funzioni dei diversi enti coinvolti all’interno del futuro Comune unico, sarebbe opportuno procedere all’analisi preliminare:
a) dell’articolazione e delle strutture organizzative dei Comuni interessati, per individuare ipotesi d’integrazione delle stesse;
b) della dimensione economico-finanziaria (entrate, spese, mutui, ecc.);
c) delle risorse umane (dotazione organica.)
Nell’immediato, pertanto, si chiedeva all’amministrazione comunale d’istituire una commissione composta di suoi rappresentanti ed anche da rappresentanze delle parti sociali e politiche del comune al fine di discutere e decidere sui presupposti della fusione.
Promuovere momenti d’incontro con la cittadinanza in modo da sensibilizzare, informare, raccogliere perplessità e suggerimenti.
Infine, formare al più presto una commissione istituzionale composta dalle due amministrazioni interessate al fine di avviare la stesura di uno statuto condiviso, con regole chiare, che resti in vigore fino a quando non sarà formulato lo statuto definitivo.
Purtroppo, ancora una volta si deve rilevare la paralisi e l’inerzia della nostra amministrazione comunale, che nulla ha fatto per avviare un percorso consapevole e responsabile relativamente alla fattibilità dell’ipotizzata fusione dei Comuni di Corigliano Calabro e Rossano

Movimento 5 Stelle Corigliano Calabro
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#M5S #Fusione #Corigliano-Rossano
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone