English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
MAR 7
LUGLIO
 
jonio
Breaking
Jonio
06/07/2020 19:55:07 Tirocinanti Calabresi: In 7000 mila senza garanzie occupazionali     06/07/2020 16:58:07 Cassano Jonio: Riaprono il Museo Nazionale della Sibaride e il Parco Archeologico     06/07/2020 16:53:56 Sull’emergenza sanità in Calabria manifestazione mercoledì 8 luglio     05/07/2020 20:29:28 Trebisacce: Consiglio comunale congiunto con i Comuni contigui per eventuale fusione o associazione     05/07/2020 18:10:55 Regione: Guccione (Pd) denuncia il flop degli impianti di Lorica  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Ancora una volta viene perpetrata la spoliazione dei servizi sanitari all’interno dell’ospedale di Corigliano
 martedì 5 luglio 2016 18:31
Ancora una volta viene perpetrata la spoliazione dei servizi sanitari all’interno dell’ospedale di Corigliano Fonti attendibili riferiscono che anche il reparto di Chirurgia, fiore all’occhiello del Compagna, sarà trasferito all’Ospedale di Rossano già dal prossimo lunedì 11 luglio. Guerra tra poveri che nasconde la reale intenzione di depauperare il territorio della sibaritide a vantaggio delle strutture private.
Non è giustificabile tale operazione laddove si pensi che la chiusura del reparto di Chirurgia a Corigliano avrà sicure ripercussioni anche sugli altri servizi. Si pensi ad esempio all’Unità di anestesia che non sarà in grado di garantire la guardia attiva o ancora agli reparti che seguiranno le sorti della chirurgia poiché funzionalmente legati a questa ultima unità.
Non è comprensibile l’eliminazione di tale reparto neppure alla luce dei numeri, che dimostrano come l’U.O. di Chirurgia coriglianese abbia 20 posti letto contro i 9 di Rossano.
Tali numeri dimostrerebbero ancora una volta come nell’ambito della Regione Calabria l’accorpante è sempre più piccolo dell’accorpato (vedi ex ASL n. 4 di Cosenza che ha accorpato ex Asl n. 3 di Rossano).
A vantaggio di chi? della popolazione? Del Comune di Rossano? Per il contenimento della spesa pubblica? Non crediamo sia per tali ragioni. Piuttosto sorge il dubbio che la riorganizzazione in atto sia un tassello di un progetto più ampio e ambizioso volta a creare disservizi sul territorio ed aprire la strada a interventi esterni.
Ad ogni buon conto, al di là delle polemiche che potrebbero sorgere sulla chiusura di un reparto, ciò che lascia perplessi è la motivazione che abbia spinto l’ attuale Rappresentante Legale dell’ASP di Cosenza a muoversi in tale direzione chiudendo, così frettolosamente, senza l’adozione dell’atto aziendale, e senza tenere conto che l’interesse principale e prevalente è quello di garantire la salute pubblica, un reparto funzionante in piena stagione turistica, con sicure ripercussioni in termini di tutela della salute per i cittadini.

Francesco Sapia portavoce m5s Corigliano
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#ospedale #corigliano #sapia #m5s
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone