English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
LUN 21
OTTOBRE
 
jonio
Breaking
Jonio
18/09/2019 17:13:22 Viaggiava sulla S.S. 106 radd. con 55 kg di droga nel furgone: arrestato dai Carabinieri     18/09/2019 17:01:05 Convegno informativo su l’Endometriosi organizzato dall’associazione Ethikòs     04/09/2019 19:26:59 Figlio alcolizzato da anni minacciava e picchiava la madre: arrestato dai Carabinieri     29/08/2019 17:32:51 Cerimonia d’inaugurazione del Monastero delle Suore Agostiniane     05/08/2019 09:57:52 GDF: arrestato un nigeriano per traffico di sostanze stupefacenti  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Scarcerazione Malagrinò Marcantonio
 domenica 22 febbraio 2015 10:15
Scarcerazione Malagrinò Marcantonio Si é svolto al Tribunale di Castrovillari, davanti il Giudice Dott.ssa Francesca Sicilia, con l’assistenza del cancelliere Nicola Daloiso, l’udienza per direttissima per la convalida dell’arresto di Marcantonio Malgrinó. La Dott.ssa Sicilia, accogliendo le tesi difensive dell’avv. Sergio Lucisano del foro di Catanzaro, non ha convalidato l’arresto di Marcantonio Malagrinó, 24enne arrestato il data 19 febbraio dai Carabinieri di Corigliano. Il pubblico Ministero nell’esporre i fatti e le ragioni del suo intervento aveva concluso con la richiesta con la convalida dell’arresto e la misura cautelare degli arresti domiciliari per l’incensurato Malagrinó. L’avvocato Lucisano, ha improntato la sua difesa sull’ illegittimitá della ricorrenza dello stato di quasi flagranza e sulle non riconoscimento dello stesso Malagrinó, nella considerazione che l’autore del furto aggravato usava un passamontagna e degli abiti di comune uso. Secondo una prima ricostruzione dei fatti la visione dei fotogrammi non identificherebbe il Malagrinó, anche se da parte della polizia giudiziaria operante la quale confermava la presenza del giovane con gli stessi abiti, in quanto la persona del reato é con il volto travisato da passamontagna. Tale circostanza si evince dai verbali di arresto dei Carabinieri intervenuti sul posto e sia dal vigilante presente al suo servizio, che dopo avere visionato i filmati con il proprietario scorgevano una persona passare poco distante il luogo del crimine che indossava simili abito a quello che aveva perpetrato il furto. Il giudice Dott.ssa Francesca Sicilia, condividendo l’orientamento giurisprudenziale “emerso in sede di legittimitá secondo cui non ricorre la quasi flagranza quando il momento iniziale dell’azione si individua in una denuncia effettuata quando si era giá consumata l’ultima frazione dell’azione delittuosa“.
Articolo letto 3324 volte     EMAIL DA UTENTE
Visualizza in pdf
 
 
 
 
QR-Code
Copyright © 2014-2019 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone