English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
MAR 7
LUGLIO
 
jonio
Breaking
Jonio
06/07/2020 19:55:07 Tirocinanti Calabresi: In 7000 mila senza garanzie occupazionali     06/07/2020 16:58:07 Cassano Jonio: Riaprono il Museo Nazionale della Sibaride e il Parco Archeologico     06/07/2020 16:53:56 Sull’emergenza sanità in Calabria manifestazione mercoledì 8 luglio     05/07/2020 20:29:28 Trebisacce: Consiglio comunale congiunto con i Comuni contigui per eventuale fusione o associazione     05/07/2020 18:10:55 Regione: Guccione (Pd) denuncia il flop degli impianti di Lorica  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

La viabilità a Corigliano e il PRG: che fine hanno fatto le strade di Previsione?
 sabato 11 giugno 2016 15:19
La viabilità a Corigliano e il PRG: che fine hanno fatto le strade di Previsione? Nel 1986, dopo circa 6 anni di studi, analisi, dibattiti, il comune di Corigliano si dotava finalmente di un Piano Regolatore Generale. Nell’idea originale di città, in previsione dello sviluppo urbanistico che di li a breve avrebbe caratterizzato il nostro territorio, fu posto un occhio di riguardo alla viabilità.
A tal proposito il PRG definitivo, redatto dal architetto Mario Candido, prevedeva la realizzazione di almeno 3 grandi arterie stradali che avrebbero migliorato la viabilità della nostra città, più tutta una serie di collegamenti interni. La prima, che avrebbe dovuto collegare il centro storico allo scalo cittadino; la seconda, che da contrada Insiti avrebbe dovuto costeggiare lo scalo stesso, ricongiungendosi ad altre strade interne a mò di circonvallazione. La terza, che avrebbe collegato la S.S. 106 a Cantinella.
Si sarebbe trattato di opere che avrebbero avuto un impatto importante, decisivo, sull’aspetto e sulla vivibilità della nostra Corigliano, in primis perché avrebbero avuto l’effetto di decongestionare via Nazionale e via Fontanelle.
Ebbene, oggi dobbiamo prendere atto che nessuna di queste opere è stata poi effettivamente realizzata. Non solo, ma i luoghi in cui avrebbero dovuto sorgere queste opere, sono stati nel frattempo sottoposti ad una cementificazione selvaggia, e proprio in quelle aree che secondo il PRG dovevano essere destinate alla viabilità, sono state invece autorizzate opere pubbliche anche imponenti, come lo stadio Brillia e il parco periurbano, giusto per fare due esempi.
L’amara considerazione a cui ci hanno portato ore di studio sul PRG è che negli anni ’80 sono stati spesi soldi e tempo per progettare una città vivibile e in grado di svilupparsi in maniera sostenibile, ma nei 30 anni successivi amministrazioni comunale di ogni colore politico, e costruttori che spesso facevano direttamente parte di quelle stesse amministrazioni si sono mangiati tutto, autorizzando ogni sorta di scempio.
Chi ha reso possibile che si progettasse una città e se ne realizzasse un’altra? E come si intende oggi rapportare la spropositata crescita edilizia alla mancanza a questo punto strutturale di strade? E perché ancora oggi si autorizzano con leggerezza altre opere secondarie come supermercati, palazzi, chiese, ma non si realizzano le strade?
A breve chiederemo in via ufficiale all’Amministrazione comunale se intende fare qualcosa per accertare eventuali responsabilità per quanto accaduto negli ultimi anni, e soprattutto quali sono i suoi progetti per la viabilità coriglianese, soprattutto nell’ottica della prossima entrata in vigore del nuovo Piano Strutturale Associato.

Francesco Sapia - Portavoce m5s Corigliano Calabro



    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#sapia #corigliano #portavoce #m5s #viabilita’ prg #strade
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone