English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
MAR 19
GENNAIO
 
jonio
Breaking
Jonio
17/01/2021 13:29:34 Agricoltura: accelerare procedure per lo stato di calamità naturale     14/01/2021 16:02:18 Trebisacce: Pagati due mesi arretraci ai lavoratori del Consorzio di bonifica     10/01/2021 19:07:14 Elezioni Provinciali: il centrodestra verso la rinuncia per protesta     10/01/2021 16:41:33 Agricoltura, via al censimento Istat per analizzare l’impatto Covid sulle aziende     10/01/2021 16:16:34 Iacucci annuncia il via libera al piano assunzioni degli Lsu-Lpu  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

ANTICORRUZIONE, OK PATTO D’INTEGRITÀ
APPALTI, IMPEGNO ENTE/OPERATORE ECONOMICO
 giovedì 21 aprile 2016 11:03
ANTICORRUZIONE, OK PATTO D’INTEGRITÀ Trasparenza e prevenzione della corruzione, continua l’impegno dell’Esecutivo GERACI che, adesso, approva il Patto d’Integrità. Gare d’appalto e affidamenti, non si potrà più procedere senza la sottoscrizione dell’impegno, da parte dell’Ente e degli operatori economici, ad operare secondo comportamenti e principi di lealtà, trasparenza e correttezza.
A dare notizia dell’approvazione in Giunta della delibera che istituzionalizza e rende obbligatoria l’adesione al patto Patto d’Integrità è il vicesindaco con delega agli affari istituzionali Franco ORANGES per il quale con quest’ultima iniziativa prosegue e si rafforza l’impegno dell’Esecutivo a sempre maggiore tutela della trasparenza delle procedure comunali e, in generale, del buon andamento della pubblica amministrazione così come sancito dalla Costituzione.
Il Patto d’Integrità – spiega ORANGES - si compone di 6 articoli relativi agli obblighi dei soggetti coinvolti e viene sottoposto a tutti gli operatori che decidono di partecipare a procedure selettive dell’Ente, come bandi e gare d’appalto.
Nel documento da sottoscrivere, tra le altre cose, l’appaltatore dichiara di non aver influenzato in alcun modo, direttamente o indirettamente, la compilazione dei documenti di gara allo scopo di condizionare la scelta dell’aggiudicatario; di non aver corrisposto, né promesso di corrispondere ad alcuno, e s’impegna a non corrispondere mai denaro, regali o altre utilità per agevolare all’aggiudicazione e la gestione del rapporto contrattuale; di collaborare con le forze di pubblica sicurezza, denunciando ogni tentativo di estorsione, intimidazione e condizionamento come richieste di tangenti, pressioni per indirizzare l’assunzione di personale o l’affidamento di subappalti.
L’Ente (articolo 4) è tenuto ad avviare tempestivamente procedimenti disciplinari nei confronti del personale, intervenuto nella proceduta di gara e nell’esecuzione del contratto, in caso violazione dei principi del Patto; a segnalare senza indugio ogni illecito all’autorità giudiziaria.
La violazione è decretata dal Comune che, a termine di una verifica, potrebbe anche procedere con l’esclusione dalla gara del concorrente dalle gare indette dalla stazione appaltante per un periodo non inferiore ad un anno, e, tra le altre cose, alla segnalazione all’autorità nazionale anticorruzione.

(Fonte MONTESANTO Sas Comunicazione & Lobbying).
    COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 

 
 
 
#Trasparenza #Anticorruzione #Impegno #Esecutivo
 
QR-Code
Copyright © 2014-2021 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone