English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
VEN 17
GENNAIO
 
jonio
Breaking
Jonio
02/01/2020 10:57:52 Aldo Abenante, giovane ciclista rossanese, incoronato Campione Regionale 2019 di corsa su strada     12/12/2019 18:01:53 Figlia perseguita l’anziana mamma per ottenere la casa: arrestata dai Carabinieri     02/12/2019 12:27:07 Aveva minacciato ed aggredito fisicamente più volte la ex, arrestato dai Carabinieri     18/09/2019 17:13:22 Viaggiava sulla S.S. 106 radd. con 55 kg di droga nel furgone: arrestato dai Carabinieri     18/09/2019 17:01:05 Convegno informativo su l’Endometriosi organizzato dall’associazione Ethikòs  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

GUARDIA DI FINANZA: RICHIEDEVANO CONTRIBUTI AGRICOLI FALSIFICANDO DOCUMENTI E RAGGIRANDO GLI EFFETTIVI PROPRIETARI
DENUNCIATE DUE PERSONE E RECUPERATI 100000 EURO
 mercoledì 3 febbraio 2016 08:35
GUARDIA DI FINANZA: RICHIEDEVANO CONTRIBUTI AGRICOLI FALSIFICANDO DOCUMENTI E RAGGIRANDO GLI EFFETTIVI PROPRIETARI La Guardia di Finanza di Cosenza ha constatato l’indebita percezione di finanziamenti comunitari per oltre 100.000 euro erogati, per il sostegno
all’agricoltura calabrese in favore di alcuni imprenditori che hanno attestato falsamente la disponibilità di terreni coltivabili.
Attraverso la predisposizione di falsi contratti di affitto di terreni, insistenti nella provincia di Cosenza, venivano avviate le pratiche di richiesta di contributo senza lo svolgimento di alcuna effettiva attività agricola.
I contratti di affitto a titolo oneroso, all’insaputa dei proprietari, venivano depositati presso l’ufficio del registro dell’Agenzia delle Entrate.
Gli effettivi proprietari, ignari della stipula dei contratti e delle richieste di finanziamento relative ai propri terreni, venivano a qualificarsi affittanti (o locatori) con conseguente obbligo di dichiarare al fisco redditi mai percepiti ed esposizione al rischio di contestazioni e controlli.
Due gli autori del raggiro denunciati all’autorità giudiziaria per il reato di truffa ai danni dello Stato che prevede la pena della reclusione fino a sei anni.
L’erogazione dei contributi indebitamente richiesti è stata sospesa dall’Agenzia Regionale Calabria per le Erogazioni in Agricoltura (A.R.C.E.A.) e sono state
avviate le attività di recupero delle somme indebitamente percepite.
Continua l’attività della Guardia di Finanza a tutela della spesa pubblica, ed a sostegno delle attivitàeconomiche che operano nel rispetto delle regole, per garantire il presidio della legalità economica del sistema.
Articolo letto 3294 volte     COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 
 
 
#Truffa #Guardia di finanza #contributi agricoli #terreni
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone