English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
SAB 18
GENNAIO
 
jonio
Breaking
Jonio
02/01/2020 10:57:52 Aldo Abenante, giovane ciclista rossanese, incoronato Campione Regionale 2019 di corsa su strada     12/12/2019 18:01:53 Figlia perseguita l’anziana mamma per ottenere la casa: arrestata dai Carabinieri     02/12/2019 12:27:07 Aveva minacciato ed aggredito fisicamente più volte la ex, arrestato dai Carabinieri     18/09/2019 17:13:22 Viaggiava sulla S.S. 106 radd. con 55 kg di droga nel furgone: arrestato dai Carabinieri     18/09/2019 17:01:05 Convegno informativo su l’Endometriosi organizzato dall’associazione Ethikòs  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Medical Market, il medico si difende
 mercoledì 28 gennaio 2015 17:53
Medical Market, il medico si difende Sono cominciati i primi interrogatori per la clamorosa operazione Medical Market la presunta truffa alle assicurazioni con incidenti simulati o provocati scoperta dalla Procura di Castrovillari. E Sergio Garasto, il medico dell’ospedale di Corigliano Calabro finito ai domiciliari ha respinto ogni accusa.
Su di lui ne pende una pesante, quella di aver aiutato una donna incinta e al settimo mese di gravidanza, la quale avrebbe simulato un incidente stradale, a partorire e lasciare morire il neonato per avere un maggiore risarcimento dalla compagnia assicurativa. Garasto è stato interrogato martedì 27 gennaio dal giudice per le indagini preliminari di Castrovillari, Letizia Benigno, che ha emesso la misura cautelare, ma non ci sta a finire tra gli imputati.
Lo conferma il suo difensore, l’avvocato Giuseppe Zumpano: “Ha respinto l’accusa di omicidio volontario. A conferma del fatto che fosse trascorso molto tempo dal parto all’arrivo in pronto soccorso, l’indagato ha fatto rilevare che il feto è giunto in ospedale già pulito, sebbene ancora attaccato al cordone ombelicale”. Così al termine dell’interrogatorio il difensore ha chiesto la revoca degli arresti domiciliari.
Invece sono stati rinviatigli interrogatori di garanzia per la mamma del neonato morto, Stefania Russo, e per altre due persone, Nunziatina Falcone (amica della donna) e Pietro Andrea Zangaro, in modo da consentire ai difensori di poter studiare tutte le carte del fascicolo processuale.
Articolo letto 2771 volte     fonte cosenzapost.it
Visualizza in pdf
 
 
 
 
QR-Code
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone