English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
MER 17
LUGLIO
 
jonio
Breaking
Jonio
19/06/2019 16:47:48 Dissequestro Stombi: la soddisfazione del consigliere regionale Gallo      19/06/2019 13:00:06 Rossano. Questa notte interruzione idrica      06/06/2019 15:59:18 Rossano. Villa Labonia pronta ad ospitare l’Estate Ragazzi      03/06/2019 12:39:17 Oggi, lunedì 3 stop servizio idrico     29/04/2019 19:34:42 Rossano. Domani, martedì 30 cambierà viabilità  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Corigliano. L’Ariella piange Giorgio Scorzafave
 lunedì 18 febbraio 2019 11:38
Corigliano. L’Ariella piange Giorgio Scorzafave Sono sicuro e certo di interpretare l’unanime sentimento dell’intero quartiere ove abito; un sentimento intriso di dolore e contrizione, sgomento e tristezza, per la notizia, appresa già ieri, dell’improvvisa scomparsa di Giorgio Scorzafave, per oltre 50 anni simbolo del Bar “Gerardo”, il bar dell’Ariella, punto di riferimento e di ritrovo dei suoi abitanti e non solo.
Lo conoscevo da anni, molti anni, Giorgio, da quando, cioè, il bar aprì i battenti nel quartiere “nuovo” di Corigliano Centro, per la lungimirante iniziativa del suo papà Gerardo e per la operosità genuina della sua mamma Demetrina, intestataria dell’attività. Era un giovanotto lui, e io, un bambino che, mano nella mano con un mio caro amico di infanzia - che da tempo, a causa della politica, mi ha perfino tolto il saluto – andavo a compare la “gomma del Ponte”, un successo per quegli anni. E Giorgio era lì, cortese, affabile, educato, sorridente, disponibile, in quel bar che rappresentò la vera novità del novello centro abitato e un vero e proprio centro di aggregazione che attraeva tanta ma tanta gente. Era poco più che ventenne, il caro Giorgio, ma seppe cogliere i segni dei tempi, perseverando e continuando la genitoriale attività con impegno e competenza e … tramandandola finanche ai suoi figli, degni eredi di una tradizione che, oggi, è altamente competitiva e degna di essere annoverata tra quelle meritevoli di rispetto e considerazione. Era buono, Giorgio. Umile e semplice, nei modi e nei costumi. Ed è stata la sua umiltà e la sua semplicità che lo hanno reso amabile con tutti ed amato da tutti.
Come tutte le persone perbene ha lasciato un segno e … un vuoto! Spetta a noi che restiamo, raccoglierne il testimone e colmarlo con il nostro rispetto.
Ti sia lieve la terra, caro Giorgio, e “…gli angeli ti conducano, cantando al tuo riposo…”
Articolo letto 11644 volte     Franco Oranges
Visualizza in pdf
 
 
 
#corigliano #scorzafave giorgio #scomparsa
 
QR-Code
Copyright © 2014-2019 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone