English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
VEN 19
APRILE
 
jonio
Breaking
Jonio
11/04/2019 16:17:33 Decoro urbano, continua pulizia nei Centri Storici     08/04/2019 19:30:22 Studentessa Rossano al Change the World Model     08/04/2019 11:10:15 Rossano. Continua emergenza idrica     03/04/2019 17:21:48 Decoro urbano, in corso pulizia a Seggio     03/04/2019 17:07:02 183 Fuochi S.Marco, identità ed ecosostenibilità  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Bando Arcea: iniziata la restituzione delle quote d’iscrizione per 3.000
 venerdì 25 gennaio 2019 17:39
Bando Arcea: iniziata la restituzione delle quote d’iscrizione per 3.000 Gli uffici interessati hanno iniziato la restituzione delle quote d’iscrizione agli oltre 3.000 partecipanti al concorso Arcea, annullato per mancanza di una delibera autorizzativa della giunta regionale.
Si chiude così, almeno su un versante, il caso sollevato dal consigliere regionale Gianluca Gallo, che lo scorso Settembre aveva presentato un’interpellanza sul concorso pubblico, per titoli ed esami, indetto dall’Agenzia della Regione Calabria per le erogazioni in agricoltura, per l’assunzione a tempo indeterminato di 12 unità. Svanito nel nulla, fino a quando, in risposta all’atto ispettivo presentato dal capogruppo della Cdl, era venuta fuori la verità: bando stoppato per un cavillo. Mancava una delibera della giunta regionale. A seguire, a più riprese, l’intervento per chiedere la restituzione - in favore degli oltre 3.000 iscritti alle prove selettive - della quota versata per partecipare al concorso. «In questi giorni – fa sapere Gallo – gli uffici hanno avviato le pratiche di rimborso. Le operazioni sono in corso e riguardano le migliaia di persone che avevano presentato istanza di partecipazione alla procedura concorsuale, confidando di poter trovare un posto di lavoro in Calabria. Purtroppo, non è andata così. Si chiude adesso una pagina della vicenda, ma molte altre restano aperte». Prosegue il capogruppo della Cdl: «Ho presentato un’interpellanza e posto la questione attraverso i media, ovviamente senza ricevere sin qui risposta. Insisto: la giunta regionale ha il dovere di spiegare che fine farà il concorso annullato e di chiarire chi pagherà adesso il conto della figuraccia rimediata, penosa sul piano dell’immagine ma anche su quello politico e contabile: inevitabile richiedere severi approfondimenti. Quelli che sin qui sono colpevolmente mancati».

Avv. Gianluca Gallo
Consigliere regionale della Calabria
Presidente Gruppo consiliare Casa delle Libertà
Articolo letto 479 volte     COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 
 
 
#calabria #arcea #quote #restituzione
 
QR-Code
Copyright © 2014-2019 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone