English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
VEN 20
APRILE
 
jonio
Breaking
Jonio
19/04/2018 20:20:27 Rossano. Da 182 anni fuochi S.Marco      19/04/2018 20:15:49 Rossano. Domenica 22 cambierà viabilità allo Scalo     18/04/2018 14:46:11 Cassano ed i problemi della città: l’assessore Musmanno ed il consigliere regionale Gallo incontrano i commissari     15/04/2018 12:59:51 Strutture socio-assistenziali: si rischia il collasso     14/04/2018 12:49:28 Vertenza ASP Cosenza: la fp cgil ricorre al Giudice del Lavoro  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Ritardi sulla S.S.106: i soldi ci sono da anni ma non si spendono
Politica, ANCE Calabria, CGIL, CISL e UIL: tutti, nei fatti, disinteressati all’avvio dei lavori sulla 106
 martedì 10 gennaio 2017 16:18
Ritardi sulla S.S.106: i soldi ci sono da anni ma non si spendono Nel CIPE del 10 agosto del 2016 fu approvata a Roma la Delibera che sanciva l’approvazione dei lavori per il 3° Megalotto della Nuova S.S.106 tra Sibari e Roseto Capo Spulico in provincia di Cosenza. Si tratta di un investimento di cui sono disponibili e già finanziati 1,2 miliardi di euro e di questi circa 700 milioni sono pronti da almeno 10 anni ma, ancora oggi, non sono stati impiegati.
Tuttavia, ciò che l’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” intende DENUNCIARE è ben altro ed è ancor più grave. Nella seduta CIPE del 10 agosto, infatti, furono altre le opere approvate dal Governo. Quali sono queste opere? Inoltre, sono anche queste nella palude dell’indecisionismo, della burocrazia e nelle braccia inoperose di una classe dirigente inetta?
No!
Tanto è vero che sono in uno stato ormai avanzato le seguenti opere: collegamento viario “Pedemontana Piemontese” tra la A4 e la A26; Linea AV/AC Milano – Genova: Terzo Valico dei Giovi; Riqualifica e potenziamento S.P. S.S.415; TUTTE opere approvate il 10 agosto scorso insieme alla S.S.106 ma in una fase decisamente più evoluto (nel caso delle Pedemontana Piemontese siamo all’avvio dei lavori).
Ciò implica che, seppure sono ormai partite le operazioni preliminari per l’avvio dei lavori del 3° Megalotto, l’avvio reale e concreto di questa importante e fondamentale infrastruttura rischia concretamente di partire con l’ennesimo ritardo: i più ottimisti parlano di settembre – ottobre 2017; i più cauti, sostengono che si andrà al 2018; mentre i pessimisti sostengono che questi soldi saranno strappati alla Calabria e dati alle popolazioni terremotate.
Questa amara realtà costringe l’Associazione ad una pubblica riflessione:
Come mai non si dimette il Presidente dell’ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili), della Calabria?
Come mai non si dimettono tutti i segretari regionali di CGIL, CISL e UIL della regione Calabria?
Come è possibile che di fronte alla possibilità di una prossima legge elettorale che preveda addirittura il ritorno delle preferenze tutta (nessuno escluso), la classe parlamentare calabrese non capisca che servono risposte ai problemi concreti dei cittadini se poi si vuole ottenere un consenso?
L’Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106” intende evidenziare l’immobilismo della classe politica parlamentare calabrese (di maggioranza e di minoranza), quella dell’ANCE Calabria e della CGIL, CISL e UIL sull’ammodernamento della S.S.106 in Calabria. Sono tutti la stessa “marmellata” fatta solo di chiacchiere e di proclami ma senza fatti.
Anzi, un fatto c’è. Uno solo: la S.S.106 nel 2016 ha provocato 32 vittime. La Calabria anche nel 2016 è la regione più povera d’Europa. Aumenta la disoccupazione (soprattutto giovanile). Aumenta lo spopolamento dei territorio (sono in maggior parte giovani e laureati).
Viva la politica, Viva il sindacato.

Associazione “Basta Vittime Sulla Strada Statale 106”
Articolo letto 3955 volte     COMUNICATO STAMPA
Visualizza in pdf
 
 
 
#SS106 #ritardi #lavori #soldi
 
QR-Code
Copyright © 2014-2018 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone