English French German Italian Portuguese Russian Spanish
 
datario
DOM 21
OTTOBRE
 
jonio
Breaking
Jonio
18/10/2018 12:17:00 VII Congresso Cgil Pollino Sibaritide Tirreno     17/10/2018 16:21:39 “Puliamo il Mondo“ anche a San Demetrio!     10/10/2018 18:07:15 C’è anche Pina Amarelli nell’elenco dei nuovi Ambasciatori della Calabria      08/10/2018 12:11:02 Rossano: tanta partecipazione al tour nel centro storico bizantino     08/10/2018 12:06:41 Sequestro foce Stombi: la preoccupazione dell’associazione “Laghi di Sibari”  
txtRICERCA
 
 
 
 
 

Reclame
 
 

Corigliano: Piazza Salotto, panchine di 800 euro pagate a 3700euro
 giovedì 12 luglio 2018 13:14
Corigliano: Piazza Salotto, panchine di 800 euro pagate a 3700euro Conferenza stampa in corso a Cosenza. Il sistema “Corigliano” nella pubblica amministrazione calca pienamente quanto accade anche in altre parti d’Italia in materia tangentizia. Gli 007 hanno lavorato con diligenza, posizionando cimici ovunque, captazioni telefoniche e ambientali, acquisendo atti e documenti, autorizzazioni, licenze, procedure di gara e d’appalto. Nulla è stato lasciato al caso. Un dato su tutti, giusto per rendere l’idea. Questione “Piazza Salotto”: 42 panchine del costo unitario di 860 euro (tanto pagate da un Comune del Nord Italia) venivano acquistate dal Comune di Corigliano al costo di 3700euro. Sempre in Piazza Salotto è stato realizzato un palazzo prospiciente una via comunale che viene chiusa dal Comune per consentire la costruzione di una scalinata di accesso al medesimo fabbricato. Via cancellata quindi la strada con un danno per l’erario comunale pari a 178mila euro. Inoltre quando capitava che un appalto se lo aggiudicava un’impresa estranea al sistema, non veniva messa nelle condizioni di operare. L’inchiesta ha avuto origine da una circostanziata denuncia dell’ex sindaco Giuseppe Geraci inviata alla Prefettura di Cosenza. I funzionari in sostanza si preoccupavano solo della forma affinché le procedure potessero risultare adeguate alla norma, ma nessun interesse al principio del rispetto del denaro pubblico. Meccanismo deteriore di elusione degli appalti, un panorama che sembrava ormai una prassi consolidata. Aggiustamenti di pratiche, accordi sulle percentuali, controllo degli appalti e del territorio. 11 le gare prese di mira: dal cimitero alle condotte idriche, dai lavori di manutenzione del rischio idrogeologico alla bitumazione, fino alla sistemazione dell’arredo urbano. In una delle buche non riparate perse la vita un bambino – vicenda nota alle cronache- ha ricordato il procuratore capo Eugenio Facciolla.
Articolo letto 14133 volte     Fonte: Informazione & Comunicazione
Visualizza in pdf
 
 
 
#corigliano-rossano #appalti #piazza salotto #panchine
 
QR-Code
Copyright © 2014-2018 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati.
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone