English French German Italian Portuguese Russian Spanish
  datario
DOM 27
SETTEMBRE
 
jonio
Breaking
Jonio
16/09/2020 17:28:30 Arriva la replica della dirigente scolastica Anna Bruno dell’I.t.c.g.t. / liceo “G.B. Falcone” di Acri     12/09/2020 18:49:31 Habemus Papam, nominato il nuovo Direttore del Museo Nazionale Archeologico della Sibaritide     11/09/2020 11:50:21 San Demetrio Corone: Dieci proposte per un Pd controcorrente     07/09/2020 17:16:21 Acri: Anna Bruno è la nuova Dirigente dell’Istituto “Falcone“     06/09/2020 18:16:21 Nicola Pepe, il vincitore di “Hell’s Kitchen Italia” omaggia la Calabria con il nostro cibo tipico  
txtRICERCA
 
 
 
 
 
 

Reclame
 
 


Il Pianeta Degli Dei
di Zecharia Sitchin
sabato 23 maggio 2020 11:05
 
Il Pianeta Degli Dei “Se gli antichi Egizi ereditarono il loro sapere dai Sumeri, questi ultimi da chi avevano appreso quelle scienze? La tesi del professor Sitchin è che ciò che chiamiamo mitologia non è creazione fantastica, ma confusa memoria di fatti realmente avvenuti. Come confermano recentissime scoperte, c’è un altro pianeta nel sistema solare, un pianeta con un’orbita ellittica che transita tra Marte e Giove ogni 3.600 anni. I suoi abitanti – i Sumeri li chiamavano Anunnaki, la Bibbia Nefihim – iniziarono a visitare la Terra mezzo milione di anni or sono e le loro gesta possono essere lette nell’Antico Testamento come nel libro di Gilgamesh”
Primo capitolo di quelle che sono rinominate come “Le cronache terrestri”. Questo lavoro del professor Sitchin non è un romanzo bensì uno studio approfondito su come il sapere si sia insinuato all’interno dell’essere umano. Nulla di tangibile, sia chiaro. Queste riflessioni, infatti, non hanno a oggi trovato riscontri pratici. Manca quel tassello in grado di far passare queste nozioni da semplici teorie a informazioni capaci di sconvolgere tutta la storia dell’umanità, strascinando sul “banco degli imputati” tutti i Credo religiosi sparsi nel mondo. Non è una lettura semplice da seguire. Non c’è alcuna possibilità di fare rientrare questa epopea in quella dimensione rilassante, in quanto “Il pianeta degli Dei” è un vero e proprio testo accademico. La narrazione spazia da riferimenti e scritti che partono direttamente dai ritrovamenti archeologici Sumeri, arrivando fino alle interpretazioni che ci vengono fornite proprio dal professor Sitchin. Certamente è un caso affascinante che permette ai lettori di poter immaginare scenari tanto fantastici ma, allo stesso tempo, capaci di generare perplessità. Non solo dubbi, è verosimile pensare che questi siano in grado di creare una sorta di paura verso un qualcosa che va ben oltre le nostre credenze e visioni riguardanti il pianeta terra. “Il pianeta degli Dei“ è sicuramente una lettura capace di migliorare le nostre conoscenze riguardanti la storia mitologica – religiosa, almeno in apparenza, non legata direttamente alle nostre. È proprio questo che trapela da lavoro del professore azero: il periodo storico e i fatti da lui trattati sembrano riportare a un legame capace di riunire il pianeta intero. Ciò dimostra come l’uomo, almeno così sembra indicare Sitchin, abbia nel tempo confuso, e distorto, un qualcosa che ai suoi occhi risulta semplice e immediato.
Fonte:https://armandolazzarano.altervista.org/
Articolo letto 162 volte      
 
         COMMENTI
 
         
 
         QR-Code
         
Copyright © 2014-2020 Corigliano Informa Tutti i diritti riservati. Direttore editoriale Giacinto De Pasquale
Accesso Riservato Powered by by Giovanni Gradilone